Eredivisie: il PSV Eindhoven neutralizza l'AZ Alkmaar e coglie la prima vittoria


Il primo turno di Eredivisie vede PSV Eindhoven-AZ Alkmaar come match di cartello di questa giornata iniziale. I Boeren attendono la compagine di Van den Brom con diverse aspettative e pretese: la selezione di Philip Cocu intende rifarsi in seguito alla bruciante eliminazione in Europa League. Gli ospiti intendono impattare al meglio con la massima serie olandese, in seguito alla cocente delusione consumatasi nella passata stagione. Il tecnico dei Boeren opta per lanciare il messicano Lozano dal primo minuto sull’out di sinistra e Locadia punta centrale. Van den Brom sceglie Calvin Stengs come ala destra titolare e Guus Til in mezzo al campo. Il match si preannuncia estremamente combattuto a causa del blasone delle forze in campo.

La prima frazione di gioco si apre con un orribile infortunio per Stengs: il talento dell’AZ crolla sul proprio ginocchio ed è costretto ad uscire dal campo in lacrime. Si prevede uno stop lungo per Stengs: un vero e proprio shock per il ragazzo e l’AZ Alkmaar. Il PSV Eindhoven prende coraggio e crea una serie di occasioni importanti nelle prime battute di gioco. Protagonista Lozano, reo di non aver sfruttato al meglio i palloni ricevuti. L’AZ si risveglia: Dos Santos punisce Zoet dall’interno dell’area di rigore e porta in vantaggio gli ospiti al 18’. Intelligente il velo di van Overeem che ha permesso all’esterno d’attacco dei Formaggiai di smarcarsi fra le maglie della retroguardia avversaria. Il PSV non demorde: al 31’ Lozano trova la rete del pareggio. L’esterno messicano rientra sul destro, eludendo l’intervento di Vlaar, e infila sul primo palo Bizot. I Boeren ripristinano la parità e inoltre Cocu decide di sostituire Brenet con Paal: talentuoso esterno offensivo trasformato terzino in questa circostanza. Il messicano Lozano affonda con una facilità impressionante, ma talvolta è impreciso sotto porta. L’esterno del PSV sciupa un paio di occasioni clamorose, nella fattispecie quando non serve van Ginkel per una facile marcature e preferisce stampare il pallone sulla traversa. L’AZ ha delle fiammate improvvise e Jahanbakhsh centra un palo clamoroso con una conclusione a giro dai sedici metri. Il primo tempo termina fra mille emozioni in parità.


Nella ripresa i padroni di casa si portano in vantaggio immediatamente con Gastón Pereiro: l’uruguagio è abile a superare il diretto concorrente con un dribbling da fantascienza e fulminare Bizot con un diagonale. La partita ricomincia con lo stesso trend della prima frazione di gioco. L’AZ Alkmaar accusa la rete del vantaggio del PSV Eindhoven e crolla dal punto di vista fisico. Il PSV Eindhoven si limita a controllare la manovra degli ospiti e ripartire. I padroni di casa sembrano mettere in ghiacciaia la gara quando Marco Van Ginkel è abile a sfruttare una mischia in area di rigore e siglare la rete del 3-1 al 77’. Notte fonda per l’AZ Alkmaar, o almeno questo sembra preludere il match, poiché al 81’ gli ospiti si guadagnano un calcio di rigore: Weghorst va alla battuta e non fallisce la trasformazione. Il match si riapre ad una decina di minuti dal termine. Il match termina 3-2 in favore dei padroni di casa che si affrancano da un periodo decisamente negativo e danno inizio nel migliore dei modi alla propria Eredivisie. L’AZ Alkmaar ha giocato una gara generosa, ma le amnesie difensive sono costate la gara ai ragazzi di Van den Brom. 

PSV Eindhoven-AZ Alkmaar 3-2: ecco gli highlights


PSV vs AZ Alkmaar 3-2 Highlights ( NETHERLANDS... di Flash-Score



Lo show di Diego Armando Maradona in tribuna al Philips Stadion: invitato da Ruud Gullit, che gli ha regalato una maglia celebrativa dei Boeren con il suo nome stampato sul retro.

Foto di copertina © ProShots

Tutti i diritti riservati all’autore. Nel caso si effettuino citazioni o si riporti il pezzo altrove si è pregati di riportare anche il link all’articolo originale.

Ti è piaciuto l'articolo? Vieni a parlarne su Facebook, sulla pagina ufficiale del blog Calcio Olandese!

CONVERSATION

0 Commenti a quello che hai letto:

Posta un commento

Back
to top